Irreparabile – Fabrizio Pittalis

You are missing some Flash content that should appear here! Perhaps your browser cannot display it, or maybe it did not initialize correctly.

Mi portavi alla campagna per un giorno vuoto veloce e rustico
proprio quello che ci vuole
hai detto.
Io cercavo
nonostante le promesse di star fermo
e con la testa sopra il collo
nelle pietre un bel canguro
una forma da notare di leopardo
mi sentivo come fossi appena partorito
visto e rivisto
straordinariamente vecchio
dentro agli atomi nell’aria
mi guardavo di nascosto.
Godevamo degli sbuffi degli scherzi entrambi
solitari, belli e cristi
dermatologicamente quasi muti:
sulla fronte
non avevi niente altro che una piccola eruzione.
Se non fosse stato per la prosa degli occhi
non saresti mai riuscita a scovarmi.
Me l’ avrei forse cavata
col bluastro d’un cielo d’inchiostro
un agire da latte e biscotto
tra i ricordi delle elementari
così romantico
con un paio di stampelle sentimentali
avanzando
tra un quiproquò ripetuto di falsi allarmi umoristici
nascondendo ben dentro il cappotto
il mio corpo di muschio
la mia testa a sonagli
dietro a un viso da barbapapà
con un cuore
che a schiacciarlo fa
piii-po’

Documentario di poesia prodotto da NiedernGasse; testo Fabrizio Pittalis, voce Rosamaria Caputi, regia Paola Silvia Dolci, fotografia Aphex Twin, musica Rameau, su consulenza musicale di Daniele Carnini