Approfondimenti

LE MEZZE STAGIONI - cose che (non) esistono

circo 600px

Le mezze stagioni imperversano, sono trendy, van di moda.
Si fissano in "adultescenza" come sistema individuale, di gruppo, sociale, politico.
Il "Paedogeron" dureriano regna su tutto: è il mezzo vecchio e mezzo infante, il né carne né pesce che fuori dall'acqua boccheggia e immerso nelle profondità crepa.
Nel mezzo del cammin può cominciare, che meraviglia!, il viaggio sulla poltrona dell'analista.
Non è un periplo da drogati né da mercanti. Biglietto di sola andata finalizzato alla scoperta del ritorno.
Io lo consiglio, un viaggio del genere - ma non son Caronte.
E le stagioni-stagioni? Quelle vere, il clima, la pioggia, il sole, i cirri e i cumulonembi?
Ve le racconto filastroccando, come al solito.

Il Signor Autunno
se ne arriva lento;
non è mai contento,
il Signor Autunno.
Insegue il vecchietto
che aspira al perfetto
color bianco neve,
a morbida pelle,
e con caramelle
la ninfetta lieve
chiama Primavera
ma crepa di sera
mentre lei ridendo
abbraccia l’Estate,
gioca a “innamorate”,
seduce mentendo
ma è tutto un inganno,
d’Estate in affanno.
Estate puttana
che gira e rigira
e d’Autunno ammira
le sciarpe di lana,
i mille colori,
l’arte dei sapori.

Ci sono anche le mezze parole. Una su tutte!

Vit-amor-te.