Approfondimenti

LMP: la morte possibile. Vita in opera di Leopoldo María Panero. Parte terza. Il drogato.

                                                        “Ho la mia pipa d’oppio accanto a un libro di metafisica
                                                         tedesca . Il tempo, e non la Spagna, dirà chi io sia”.

                                                                                      L. M. Panero

“Non esercita abitualmente nessuna attività remunerata, dipendendo economicamente dalla sua familia, principalmente da sua madre, che gode una elevata posizione economica. Sporadicamente pubblica qualche saggio su “Poesia e Critica di Poesia” nelle pagine letterarie di vari quotidiani…
Attualmente osserva un comportamento irregolare e anomalo, conducendo una vita disordinata, perché, come abbiamo indicato anteriormente, non esercita nessuna attività lavorativa in modo constante; en el suo apartamento si incontra con gente di simili caratteristiche e modo di vestire. In qualche occasione i vicini si sono lamentati di molestie, perché queste riunioni sono principalmente di notte. Tra i vicini egli e e i suoi amici sono considerati omosessuali, anche se non si è potuto provare questo dato…
Rispetto alla condotta política osservata attualmente si comunica che non viene considerato fedele al Regime attuale, anche se non gli si possono dimostrare attività contrarie allo stesso…”

(Rapporto della Direzione Generale di Polizia, gennaio 1974, da “El contorno dell’abismo. Vida y leyenda de Leopoldo María Panero”, di J. Benito Fernández, Barcellona 1999, trad. di Ianus Pravo).

CONDESA MORFINA

Y llegaron los húngaros bailando,
y ya era tarde
pero bajo la noche practicaron su arte
y en la noche tú, hermana
me diste la mano.
(la gitana predijo y repredijo
pero la noche seguía su curso
y en la noche escuché tu abrazo
correcto y silencioso,
señora
hermosísima dama
que en la noche juegas
un blanco juego. (Hermosísima dama
serena y afligida
violeta nocturna
hermosísima dama
que la noche protege,
que en la noche vela
noche cándida y helada
(pura como el hielo
pura como el hielo tú eres, hermosa dama,
Madonna en el viento
hermosa y dulce dama
que me libras de pobreza
per amor soi gai
alegría de la nada,
hermosa dama
hermosa y dulce dama en mi
pensamiento
Tell me
I get the blue
for you
dime tus sombras lentamente
despacio como si anduviéramos
como si bajo la noche anduviéramos
tú que andas sobre la nieve.
Y aterido de frío, por el
Puente de Londres
– is going to fall –
por el puente de Londres, manos en los bolsillos
y el río debajo, triste y sordo
no era un dulce río
mis ojos apenas veían
pero sabía que mi hermana me esperaba
no era un dulce río
sopesando el bien y el mal en una fulgurante balanza
mi triste hermana me esperaba
Monelle
me cogió de la mano
poderosa e impotente como un niño
llamándome en la sombra, con voz escasa
con voz escasa y tus harapos blancos, llamándome en la sombra,
hermosísima dama.
Y con la mano
frágil y descarnada tú apagabas, y con el roce,
con el roce, en la sombra, de tus blancos harapos
tú apagabas las lágrimas
deshacías el dolor en pequeñas láminas
harapienta princesa,
tú me diste la mano.
(Y bajo la noche caminaba, buscándola a ella
por suburbios de Londres, a la niña harapienta
vista en todos los rostros de las prostitutas
un frío invierno de 1850
harapienta princesa.
De entre el sudor, la oscuridad,
de la vida,
su dura confusión, su almacenar sombrío
surgió aquella niña, aquel rostro que busco
aquel recuerdo triste y esta luz que rescata
una tarde de 1850
aquella niña
y en la habitación vacía
(y ya era tarde)
yo cojo el azul
para ti
aguja que excava la carne que ya no siente
y ya era tarde
pero bajo la noche practicaron su arte.

CONTESSA MORFINA
E arrivarono gli ungari ballando,
era ormai tardi
ma sotto la notte praticarono la loro arte
e nella notte tu, sorella
mi desti la mano.
(La gitana predisse e ripredisse
ma la notte seguiva il suo corso
e nella notte ascoltai il tuo abbraccio
corretto e silenzioso,
signora
bellissima dama
che nella notte giochi
un bianco gioco. (Bellissima dama
serena e addolorata
viola notturna
bellissima dama
che la notte protegge,
che nella notte veglia
notte candida e gelida
(pura come il ghiaccio
pura come il ghiaccio sei tu, splendida dama,
Madonna nel vento
splendida dolce dama
che mi liberi dalla miseria
per amor soi gai1
allegria del nulla,
splendida dama
splendida dolce dama nel mio
pensiero
Tell me
I get the blue
for you
dimmi le tue ombre lentamente
piano piano come se camminassimo
come se sotto la notte camminassimo
tu che cammini sulla neve.
E intirizzito dal freddo, sul
Ponte di Londra
– is going to fall –
sul ponte di Londra, le mani in tasca
e il fiume di sotto, triste e sordo
non era un dolce fiume
i miei occhi vedevano a stento
ma sapevo che mia sorella m’aspettava
non era un dolce fiume
soppesando il bene e il male sulla folgorante bilancia
la mia triste sorella m’aspettava
Monelle2
mi prese la mano
fortissima e impotente come un bimbo
chiamandomi nell’ombra, con voce debole
con voce debole e i tuoi stracci bianchi, chiamandomi nell’ombra,
bellissima dama.
E con la mano
fragile e scarna tu spegnevi, e con il tocco,
con il tocco, nell’ombra, dei tuoi bianchi stracci
tu spegnevi le lacrime
disfacevi il dolore in piccole lamine
principessa stracciona,
tu mi desti la mano.
(E sotto la notte camminavo, cercandola
nei sobborghi di Londra, la bimba stracciona3
intravista in tutti i volti delle prostitute
un freddo inverno del 1850
principessa stracciona.
Nel sudore, nell’oscurità, nella paura,
il tremore sordo della vita,
la sua dura confusione, il suo cupo accumulare
sorse quella bimba, quel volto che cerco
quel ricordo triste e questa luce che riscatta
una sera del 1850
quella bimba
e nella stanza vuota
(era ormai tardi)
io prendo l’azzurro
per te
un ago che scava la carne che più non sente
era ormai tardi
ma sotto la notte praticarono la loro arte.

1 per amor soi gai. “Sono lieto per amore / e non voglio rinunciarvi”, Guiraut d'Espanha.
2 Monelle. Il riferimento è al personaggio del “Libro di Monelle” (1894), di Marcel Schwob.
3 la bimba stracciona. Si tratta di Anne, la bambina che innamorò Thomas de Quincey. E il
nome Anne – presente anche nel gioco di parole proposto nella poesia Ann Donne: undone –,
rimanda ad Ana María Moix (Barcellona, 1947), scrittrice catalana, compagna di esperienze letterarie,
di cui L. M. Panero si innamorò.

(da “Teoría”, 1973, trad. di Ianus Pravo)

***

EL SUPLICIO

La fiebre se parece a Dios.
La locura: la última oración.
Largo tiempo he bebido de un extraño cáliz
hecho de alcohol y heces
y vi en la marea de la copa los peces
atrozmente blancos del sueño.
Y al levantar la copa, digo
a Dios, te ofrezco este suplicio
y esta historia nacida de la sangre
que de todos los ojos mana
como ordenándome beber, come ordenándome morir
para que cundo al fin sea nadie
sea igual a Dios.

IL SUPPLIZIO

La febbre assomiglia a Dio.
La follia: l’ultima preghiera.
A lungo ho bevuto da uno strano calice
fatto di alcohol e di feci
e vidi nella marea del bicchiere i pesci
atrocemente bianchi del sogno.
E alzando il bicchiere, dico
a Dio, ti offro questo supplizio
e questa storia nata dal sangue
che da ogni occhio sgorga
come ordinandomi di bere, come ordinandomi di morire
perché quando infine sarò nessuno
sarò uguale a Dio.

(da “El que no ve”, 1980, trad. di Ianus Pravo

***

CANCIÓN PARA UNA DISCOTECA

No tenemos fe
al otro lado de esta vida
sólo espera el rock and roll
lo dice la calavera que hay entre mis manos
baila, baila el eock ande roll
para el rock el tiempo y la vida son una miseria
el alcohol y el hascisch no dicen nada de la vida
sexo, drogas y rock and roll
el sol no brilla por el hombre.
Lo mismo que el sexo y las drogas:
la muerte es la cuna del rock and roll.
Baila hasta que la muerte te llame
Y diga suavemente entra
Entra en el reino del rock and roll.

CANZONE PER UNA DISCOTECA

Non abbiamo fede
dall’altro lato di questa vita
solo ci aspetta il rock and roll
lo dice il teschio che h otra le mani
balla, balla il rock and roll
per il rock il tempo e la vita sono una miseria
l’alcool e l’hascisc non dicono nulla della vita
sesso, droga e rock and roll
il sole non brilla per l’uomo,
lo stesso che il sesso e le droghe:
la norte è la culla del rock and roll.
Balla finché la morte ti chiami
E dica dolcemente entra
Entra nel regno del rock and roll.

(da “Contra España y otros poemas no de amor, 1990, trad. di Ianus Pravo)

HEROÍNA

El diamante es una súplica
que tú inyectas en mi carne
el sol asustado huye
cuando eso entra en mi vena.
***
De mujeres y saliva
sólo está hecha la vida:
la heroína es más que el ser
y algo que a la vida excede.
***
Que estoy vencido lo sé
cuando el veneno entra en sangre
el triunfo es una burbuja
me deshará la mañana.
***
Si el ciervo asustado huye
es que en el bosque ha su casa
así buscas en tu brazo
un lago donde esconderte.
***
Contar ciervos en el llano
es deporte de poeta
de hombre es buscar avaro
placer en una cuchara,
oro en el excremento
para que el aullido muera.
***
Un fauno y una derrota
mujeres y algo de música
y el sueño de algún efebo
es cuanto de mí sé
y que ahora la heroína
convierta en nada y en polvo.
***
Todo ciervo sabe morir
pero que al hombre le cuesta
lo sabe el lento dibujo
de la aguja por mis venas.
***
Lento humo de cucarachas
así el orgullo se muere
pálido porque entre el polvo
de la cuchara lea mi destino.
***
Antiguos sapos he buscado
en el océano infinito
la aguja muerde y hace daño
tengo cactus en los brazos.
***
El jaco es una ramera
que susurra en la oscuridad
en mis manos, cuando me pico
cae el cabello de una mujer.
***
Como las alas de la nada se mueven entre el bosque
así el viaje de mis dientes por entre los cuerpos vivos
y como una ramera que se arrodilla en la noche
el rezo de una aguja en la violencia del cuerpo.
***
La aguja dibuja lenta
algún ciervo entre mis venas
cuando el veneno entra en sangre
mi cerebro es una rosa.
***
Como un viejo chupando un limón seco
así es el acto poético.
El caballo con su espada
divide la vida en dos:
a un lado el placer sin nada
y al otro, como mujer vencida
la vida que despide mal olor.

EROINA

Il diamante è una supplica
che tu inietti nella mia carne
e il sole fugge sgomento
quando quello entra nella mia vena.
***
Di donne e saliva
solo è fatta la vita:
l’eroina è più dell’essere
e qualcosa che eccede.la vita.
***
Che sono vinto io lo so
quando il veleno entra nel sangue
il trionfo è una bolla
mi dissolverà la mattina.
***
Se il cervo spaventato fugge
è perché nel bosco ha la sua casa
così cerchi nel tuo braccio
un lago in cui nasconderti.
***
Contare cervi nel piano
è sport da poeta
da uomo è cercare avaro
piacere in un cucchiaio,
oro nell’escremento
perché il lamento muoia.
***
Un fauno e una sconfitta
donne e un po’ di musica
e il sogno di qualche efebo
è quanto so di me
e che ora l’eroina
converta in niente e in polvere.
***
Ogni cervo sa morire
ma quanto costi all’uomo
lo sa il lento disegno
dell’ago lungo le mie vene.
***
Lento fumo di scarafaggi
così muore l’orgoglio
pallido perché tra la polvere
del cucchiaio legga il mio destino.
***
Antichi rospi ho cercato
nell’oceano infinito
l’ago morde e fa male
ho cactus nelle braccia.
***

L’ero è una puttana
che mormora nell’oscurità
nelle mie mani, quando mi buco
cade il capello di una donna.
***
Come le ali del niente si muovono nel bosco
così il viaggio dei miei denti tra i corpi vivi
e come una puttana che si inginocchia di notte
la preghiera di un ago nella violenza del corpo.
***
L’ago disegna lento
qualche cervo tra le mie vene
quando il veleno entra nel sangue
il mio cervello è una rosa.
***
Come un vecchio che succhia un limone secco
così è l’atto poetico.
La roba con la sua spada
divide la vita in due:
da un lato il piacere senza niente
e dall’altro, come donna sconfitta
la vita che emana un cattivo odore.

***

EL BUCO

Sapos brillan en el cielo
cuando El Buco brilla en medio
de una mujer y de un hombre
abrazdos en el suelo.
Mi brazo señala al cielo
cuando al suelo cae El Buco
y el veneno me rodea:
Mi cerebro ya es un himno
y aquel que ayer me hiriera
como un saò brilla y se esconde
entre la hierba del cielo.

IL BUCO

Rospi brillano nel cielo
quando Il Buco brilla in mezzo
a una donna e a un uomo
abbracciati per terra.
Il mio braccio indica il cielo
quando al suolo cade Il Buco
e il veleno mi circonda:
il mio cervello è ormai un inno
e ciò che ieri mi feriva
come un rospo brilla e si nasconde
nell’erba del cielo.

(da “Heroína y otros poemas, 1992, trad. Di Ianus Pravo)

***

Un “abbraccio corretto e silenzioso”, è l’abbraccio di Contessa Morfina. Un abbraccio timido, Eccede l’eccedente. Tutto l’eccesso ostinatamente cercato, la negazione di tutto, nega la negazione, e Dio nega se stesso e la propia negazione. “Un ago che scava la carne che più non sente / era ormai tardi”.

L’eroina è un diamante supplichevole. La supplica eccede il diamante. L’eroina toglie dal mondo, e non ha nulla a che fare con la cocaina, che il mondo lo mette a disposizione.

La potenza del sole è oscurata dall’impotenza della supplica inchiodata sulla vena.

Cercare “oro nell’escremento / perché il lamento muoia”. “In stercore invenitur”, dicevano gli Alchimisti.

Traduco da Túa Blesa, “Leopoldo María Panero, el último poeta”, 1995: “Lo dice Bataille, sperimentiamo un orrore análogo davanti al cadavere, davanti agli escrementi e davanti alcuni aspetti del sesso che qualifichiamo come osceni. L’oscuro, lo sporco, il sinistro, il funesto, ciò che sfiora la norte, ‘vergogne’ associate alla nerezza anale, immagine, senza dubbio, dell’abisso. Dal nulla al nulla, la lingua scivola su un campo di sterco, di pus, di oscenità, e disegna sulla sinistra quella rosa eraldica, che denuncia l’ibrido del suo lignaggio. Releghiamo a voci ordinarie quelle che rendono testimonianza di un universo di degradazione. La miseria unisce íntimamente con verbi innominabili il cadavere, l’escremento, il sesso, e i loro nomi sono culmini del crollo: la rovina abita nel riso osceno di quella prostituta sdentata. La norte è conseguenza inevitabile dell’eccesso.
Oltrepassati i margini, tutto ciò che cade fuori e abita spazi illimitati si chiama eccesso. L’eccesso si manifesta nella misura in cui la violenza nega la ragione e la sua inevitabile conseguenza è la distruzione, il nulla. Ma l’eccesso non è il nulla, bensì il suo sensore, ciò che per andaré più in là degli ordinamenti e degli ordini, apre la ferita che mostra l’universo del degrado e della rovina, inverte l’ordinamento e l’ordine, li perverte e li rende straordinari. Lapidazione rovinosa di ogni legge, l’eccesso dona senso profondo all’insensatezza dello spreco batailliano.
E dirò con Bataille che l’eccesso è il Desiderio di un’esistenza non costretta in limiti. Il male, la morte, la violenza, il vizio, la perversione, la trasgressione di tutti i tabù, è la verità nello stadio dell’infinita purezza che si rivela all’uomo come massima libertà quando dialoga con se stesso nella solitudine dei manicomi, delle carceri, della letteratura, e si rifugia in un unicismo che, rifiutando qualsiasi solidarietà umana, sistematica, nega l’altro. Ma la negazione dell’altro conduce paradossalmente alla negazione di sè. Perché la trasgressione continua è una rivoluzione permanente che raggiunge il suo climax quando porta il suo sovrano alla ghigliottina. L’eccesso come scalata impossibile, anabasi illimitata che ci conduce a Nessun Luogo. Il nulla come meta eccessiva”.

Purgatorio (Canto XVII)

The road of excess leads to the palace of wisdom
William Blake

Oh Dante Alighieri
oh nariz del limbo

oh límite entre el Dios de la nada
y la nada que de Dios ha hecho
un Judas de silencio
un Abraham y un Isaac

con tus labios mas sin decirlo
el tout dire

oh Lavinia cómo amas a la lluvia de Amán

si el amor no tiene lugar en la palabra
si Dios no està en la palabra

si el amor está en el lugar del excremento
que habla de Dios
y un riachuelo de orina te une a Filomela

uti chelidon

y la hez de mi desnudez nutre la figura del temblor
y con la risa blanca y muda que eyaculo
imito al pus
que aúlla desde el vientre del cadáver

con el último rezo al sueño recitado
antes que Dios sea mi igual
como un amante a la amada es igual

muerto amor a mi lado yace
semejante a las heces de donde nace

mi padre mi hermano
usque adeone mori miserum est
quando fiam uti chelidon

No hay
L’amor ch’ad esso troppo si abbandona
El exceso busca a Dios y lo encuentra si no lo
Encuentra
el exceso busca a la nada y la encuentra si no la
encuentra

No hay medida, no hay límite
en donde no hay ningún lugar
y donde el tiempo no tiene tiempo
y el cadáver es
verde

Oh Alighieri, mon semblable,
mon frère que quieres querer el crucifijo
y no sabes saber la voluntad que muere
como un pan entre los labios.

Purgatorio (Canto XVII)

The road of excess leads to the palace of wisdom
William Blake

Oh Dante Alighieri
oh naso del limbo

oh limite tra il Dio del nulla
e il nulla che di Dio ha fatto
un Giuda di silenzio
un Abramo e un Isacco

con le tue labbra ma senza dirlo
il tout dire

oh Lavinia come ami la pioggia di Aman

se l’amore non ha luogo nella parola
se Dio nella parola non c’è

se l’amore è nel luogo dell’escremento
che parla di Dio
e un rigagnolo d’orina ti unisce a Filomela

uti chelidon

e la feccia della mia nudità nutre la figura del tremore
e con il riso bianco e muto che eiaculo
imito il pus
che urla dal ventre del cadavere

con l’ultima preghiera al sogno recitata
prima che Dio mi sia eguale
come un amante all’amata è eguale
morto amore al lato mio giace
simile alle feci in cui nasce

mio padre mio fratello
usque adeone mori miserum est
quando fiam uti chelidon

Non c’è
L’amor ch’ad esso troppo si abbandona
L’eccesso cerca Dio e lo trova se non lo trova
L’eccesso cerca il nulla e lo trova se non lo trova

Non c’è misura, non c’è limite
dove non c’è nessun luogo
e dove il tempo non ha tempo
e il cadavere è
verde

Oh Alighieri, mon semblable,
mon frère che vuoi volere il crocifisso
e non sai sapere la volontà che muore
come un pane tra le labbra.

(da “Il cervo applaudito”, Milano, 2011, trad. di Ianus Pravo).

Leopoldo María Panero (Madrid, 1948) è autore dell'opera più radicale e originale della poesia spagnola contemporanea. Ha pubblicato più di cinquanta libri, tra poesia, narrativa, saggistica. Attualmente vive nel manicomio di Las Palmas di Gran Canaria, dopo aver compiuto, negli ultimi trent'anni, un vero e proprio tour per le istituzioni psichiatriche spagnole.

Bibliografia in italiano:
"Narciso nell'accordo estremo dei flauti", Azimut, 2005, trad. di Ianus Pravo
"Dal manicomio di Mondragón", Azimut, 2007, trad. di Ianus Pravo
"Peter Pan non è che un nome", Il Ponte del Sale, trad. di Ianus Pravo e Sebastiano Gatto.
"Il cervo applaudito", EDB Edizioni, 2013, trad. di Ianus Pravo
Direttamente in italiano L. M. Panero ha scritto, insieme a Ianus Pravo, "Senz'arma che dia carne all'imperium", Società Editrice Fiorentina, 2011.