Approfondimenti

ORIONE – MARY OLIVER

a cura di Paola Silvia Dolci

pas diabolicisme, FURTIVISME!
Rapido e veloce, rubabandiera.

DADA EST MORT. DE QUOI? DE FURTIVISME!

No pictures please! - Oh, sorry


 

Voglio stare in alto, non mi vede nessuno.

ORIONE – MARY OLIVER

Io amo Orione, il suo corpo fiero, le sue dieci stelle,
i suoi punti di riferimento abbaglianti, i suoi cani scintillanti.
“È inverno,” dice.
“Dobbiamo mangiare,” dice. Il nostro insegnante
severo e appassionato.

    Miglia sotto
nei boschi freddi, con il topo e il gufo,
con la limpidezza dell’acqua torrenziale e nascosta,
con il pensiero, per sempre un segreto per il vento, 
egli discende e siede con me, la sua voce
è come una rottura d’ossa. 

    Dietro di lui
tutto è così nero e nuovo; dietro di lui
Io non so nulla, nemmeno
la mia propria ragione. 

Traduzione Paola Silvia Dolci.

Whitney Museum
The Alphabet - David Lynch

Whitney Museum
Mettimi Hopper nelle scatole di Cornell