Recensioni

Ad Anna Blume - Merzpoesia 1

You are missing some Flash content that should appear here! Perhaps your browser cannot display it, or maybe it did not initialize correctly.

critica a disegni di Michaela D'Astuto

O tu amata dei miei ventisette sensi, io a te
    amo! tu di te te a te, io a te, tu a me. – Noi?
Ma questo (detto fra parentesi) non c’entra.
Chi sei tu, innumerevole femmina? Tu sei… sei tu?
    - la gente dice, che saresti, – lasciala dire, non
   sa come sta in piedi un campanile.
Porti il cappello sui tuoi piedi e cammini sulle
    mani, sulle mani tu cammini.
Ehi, i tuoi vestiti rossi, segati in pieghe bianche.
Rossa io amo Anna Blume, rossa, io amo a te! Tu di te te
a te, io a te, tu a me. – Noi?
Questo (detto fra parentesi) sta meglio nella fredda brace.
Rosso fiore, rossa Anna Blume, come dice la gente?
Indovinello: 1. Anna Blume ha un grillo.
2. Anna Blume è rossa.
3. Che colore ha il grillo?
Blu è il colore dei capelli gialli.
Rosso è il tubare del tuo verde grillo.
Tu ragazza schietta nel vestito di casa, tu cara verde bestiola,
io amo a te! – Tu di te a te, io a te, tu a me;
- Noi?
Ma questo sta meglio (detto fra parentesi) nella cassetta della brace.
Anna Blume! Anna, a-n-n-a, io sgocciolo il tuo nome. Il tuo
nome gocciola come morbido sego di bue.
Lo sai, Anna, lo sai già?
Ti si può leggere anche da dietro, e tu, tu la più splendida
fra tutte sei da dietro come davanti: “a-n-n-a”;.
Sego di bue gocciola accarezzare sulla mia schiena.
Anna Blume, tu bestiola, gocciolone, io amo a te.   
 
Kurt Schwitters
trad. Arturo Schwarz 

Critica a disegni a " Anna Blume: Dichtungen (1919) - Ad Anna Blume - Merzpoesia I" di Kurt Schwitters