Recensioni

BLUES

a cura di Giuseppe Rizza

A snake of june (titolo originale: Rokugatsu no hebi) Giappone, 2002; Regia, soggetto, sceneggiatura, fotografia, scenografia, montaggio, produzione di ShinyaTsukamoto; Tsukamoto è anche uno degli interpreti principali del film; durata: 77 min; B/N;
La pellicola venne presentata nel 2002 al Festival del Cinema di Venezia nella sezione Controcorrente, dove vinse il Premio speciale della giuria.

                                                                      

                                                                        BLUES

FOTOGRAMMATICA VOL.13

Il 15 di agosto nessuno risponde al telefono.

La luce è nata per cadere sui corpi
la pioggia sulle piante sulle foglie
scivola la grossa lumaca sulla bava
mentre i telefoni amici squillano nella notte.

Piove su Piove di Montale
che riscrive Piove di D’Annunzio
ma lo fa virando tutto in blu.

I tombini comunicano con i lavelli
i letti matrimoniali sono vuoti a metà
le palme verdi ideali per l’ombra
le istantanee kodak sono sempre
artistiche perfino con i piccioni a S.Marco
per non parlare dei nudi
le gocce una tortura cinese
le ore trascorrono tranne nei salotti.

I vestiti si attaccano
alla pelle la pelle
si attacca alle ossa.
La gente invecchia col tempo
gli investigatori privati vivono dietro i giornali.

La stagione delle piogge idrata la pelle
i criceti si rodono l’anima
le piante dei piedi non hanno
la testa per aria
ma c’è chi sanguina dal naso nelle estati
mentre agosto è il più indifferente dei mesi.

[I versi sono ispirati dalla visione del film A snake of june, da cui è stato colto anche questo fotogramma]