Recensioni

Gino Scartaghiande da Sonetti d’amore per King Kong

1476951968-0'1

Gino Scartaghiande da Sonetti d’amore per King Kong

Ho distrutto. Sperando
d’incontrare un corpo
che m’appartenesse.
È da tutto l’inverno
che non mi masturbo:
condensare dal fantasma
che siamo una mano propria
è il più folle degli amori.
Ma ciò dico: stanno carezze
nella saliva inerte del sole
dove, senza volerlo,
è possibile un ascolto.

GINO SCARTAGHIANDE è nato a Cava dei Tirreni (Salerno) nel 1951 ed ha studiato presso ''La Sapienza'' di Roma, dove attualmente (?) risiede. Ha pubblicato due libri di poesia, Sonetti d'amore per King Kong - Cooperativa Scrittori - Roma 1977 e Bambù (questioni di provincia) - Rotundo - Roma 1988. Tra i due testi, undici anni di distanza e una scrittura sempre a fuoco, eppure focalizzata intorno a un centro espressivo ben differente. Esemplare in tal senso la dichiarazione posta nelle prime pagine di Bambù: ''Prima di ciò / avevo la facilità / d'esserci. / Ora è come / da una finestra a metà /senza differenza ma doverosa. '' Il silenzio in cui Scartaghiande sembra essersi chiuso conferma quest'impressione di difficoltà dolorosa e necessaria: ''Io non ho mai / incominciato a dire. / Se non la vanità. / Io attendo una grazia e solo questo / mi sento di dare. '' Per i commenti critici si veda E. Pagliarani - ''Periodo ipotetico'' n° 10/11 - G. Sica ''Avanti!'' - 13/02/77 - A. Giuliani - ''La Repubblica'' - 23/04/77 - F. Cordelli - ''Il poeta postumo'' - Lerici - Roma 1978 - A. Zanzotto - ''Corriere della sera'' - 07/06/96 - S. Caltabellotta - dall'antologia ''Ci sono fiori che fioriscono al buio'' - Frassinelli 1977 - (*) Flavia Giacomozzi - "Campo di battaglia, poeti a Roma negli anni ottanta (antologia di "Prato pagano" e "Braci"), con intro di Gabriella Sica, Castelvecchi 2005 (Fonte: Kult underground, con variazioni e aggiunte mie).