Il Bestiaccia (Luis Balocchi)

Ladro, bandito, fascista, partigiano, chi era quello che tutti chiamavano il Bestiascia? Tra le nebbie, gli assalti, le fughe, in una Lombardia eroica e pezzente, ecco a tucc vialter la sua storia; storia grama, di piombo e di batoste; storia nostra, che abbiam dimenticato.
Paola Silvia Dolci
Lungo la strade che, da i bastion de Porta Ticinesa, le turrite muraglie di Milano, si addentravano nella piana coltivata nei millanta dai paisan lombardi, per quegli estesi...
Paola Silvia Dolci
Solitamente il Gioé dava il meglio di sé nella notte. E’ nell’oscurità che il bello della vita lo si coglie per il pieno. Questo lui diceva....
Paola Silvia Dolci
Duu biciclette quella notte si fermano in riva alla cascina. Quella. Non una delle più grandi. Un cassinell. Una sorta di bicocca dalle mura smilze e rose; che una volpe...
Paola Silvia Dolci
[continua da...] Ancora sentiva rimbombare nelle orecchie il suo nome. Al Bestiascia. Con quello, tutti, lì d'intorno e anmù più in là, lo...
Paola Silvia Dolci
E giù botte. Come sassi dritti in testa. Gli facevano un gran male. Ma lui forte non smetteva di ringhiare. Che lo avrebbe ammazzato a quel bestione. Questo gli urlava a...