Vogliate non amarmi popoli della camera blindata
non ho odore di sano non faccio odore di buono
mangio le unghie dei piedi ai teologi.

Solo i cadaveri in tailleur si accomodino
l’olfatto dei morti non discerne non recensisce
essi divorano purché la salsa sia bernese.

So di repellere a repellere venni addestrato
ogni mio passo e gesto e parola lorda l’aria il suolo
la carta da culo della “Storia della letteratura stampata”.

La prima parola di ogni lirica è “io”
la terza parola di ogni lirica è “sterco”
la seconda parola è “scrivo” o “mangio” o “sono”.

Ma ogni predicato accidentale vorrete vergarvi
non la parola dei popoli arresterà la danza e la voglia
di danzare sullo sterco solenne dei popoli.

Utenti on-line

Ci sono attualmente 5 Users Online