il silenzio lampeggia come un mare di fulmini la cui ombra è dietro di loro. la loro canzone arrossita li fa stridulare. l’unica altra cosa viva in questo tempaccio scoperto è un treno tempestoso. i suoi bordi in pietra arenaria scivolano sulle mie mani supine senza scricchiolare. al centro, la mia pelle pesa sull’accademismo cavernoso come un incudine.

Utenti on-line

Ci sono attualmente 1 User Online