Senza tremare né soffrire
sul fulcro intatto del mio occhio cavo
le tue braccia allungate piegano l’aria
lungo lo stipite fiorito della notte piena
a minore sforzo lo squarcio maggiore
scolpite, leggibili nel buio
le regole della leva

Utenti on-line

Ci sono attualmente 8 Users Online