scatola cranica
(a cappella)

scatola cranica è un dische – un pensiere d’amore – per tei per tei

scatola cranica è un’ossessione partorita dalla più stupefacente
assunzione di solitudine fecale e anche no

scatola cranica non è un progetto di scrittura
è un progetto di vita terminale
di sfrenato ascetismo (tantrico e quantrico) – è il nord assoluto
la ‘e’ de i ricchi e poveri

scatola cranica è miniàs logos eschatòn
e il don… don… e mi dicono dormi! mi cantano dormi!
sussurrano dormi! bisbigliano dormi!

scatola cranica è i forni – gli ossi cuneiformi

scatola cranica è la mia non a mia conoscenza
ultima tauromachia
quella di quando non hai più la gomma per cancellare
ma puoi parlare alle parole e ai disegnini
e loro si cancellano

scatola cranica è una non dormienza da quando ho 4 anni –
ma soprattutto balisticamente la gamba sinistra

il verbo essere per scatola cranica non ha senso

scatola cranica – finché il sole
risplenderà su le sciagure umane

n-1

n-2  n-3   
n-4

n-5

n-8

n-10

n-11

n-13

n-14

n-15

n-16

n-17

n-18

Nota biografica:

vito m. bonito ha pubblicato in poesia: di non sapere infine a memoria (L'arcolaio, 2021); papaveri per niente (Derbauch, 2020); fabula rasa (Oèdipus, 2018); Soffiati via (Il Ponte del Sale, 2015 - Premio Pagliarani 2015); Fioritura del sangue (Perrone, 2010), La vita inferiore (Donzelli, 2004), Campo degli orfani (Book, 2000), A distanza di neve (Book, 1997).
Ha scritto saggi sulla letteratura barocca, su Pascoli, sulla poesia contemporanea, su Beckett, Artaud, sulla Societas Raffaello Sanzio, sul cinema di Aristakisjan, Herzog, Korine, Noè.

Utenti on-line

Ci sono attualmente 2 Users Online