Recensioni

GOODBYE

a cura di Giuseppe Rizza     

Love me tender: regia e sceneggiatura di Klaudia Reynicke; Svizzera; 2019; durata: 83 minuti; La pellicola è stata presentata al Festival di Locarno

                                                                  Vol.114
                                                                      GOODBYE

Ci si può rincorrere su un prato
per abbracciarsi infine sentire le vertebre
sfuggire a uno sciame di insetti
martedì hai deciso
che mi amerai
ma sarà solo un colpo di sole.

Batterti il cuore non ti servirà a nulla.

Ai gatti non fa paura niente
agli agorafobici spolverare
le medicine vanno prese ballando
scivolano meglio lungo l’esofago
le conseguenze non amano i contradditori.

Tu non faresti che chiedere
Mi spazzoli i capelli
poi con una scusa esigere tutt’altro
desiderare crea confusione.
I divani in pelle calcano i tuoi contorni
li riempio di gesso durante la notte
poi li celo sotto il letto
io riesco a sentire le tue lacrime
quando guidi in autostrada
l’errore umano più grande è considerare
i sentimenti come qualcosa di eterno
loro forse lo sono, noi no
i pesci rossi mangiano
con la bocca sulla superficie.

I fiori bruciano nel deserto
per autocombustione.